Enter your search terms:
Top
 

Il Made in Italy

Il Made in Italy come espressione di assoluta eleganza, dalla progettazione di nuove linee fino alla ricerca della personalità, perché lo stile non è solo apparenza.

Dolce e Gabbana, Gucci e Armani, sono gli stilisti evoluti, dell’abbigliamento, delle fragranze e degli accessori più desiderati.

Ed ecco che se pur oggi si conoscono i nomi degli eredi che hanno contribuito alla cultura e la bellezza nel nostro paese, diventa altrettanto rilevante conoscere i precursori della grande moda.

L’editoria prese parte al rinnovamento nel lontano 1804, il “Corriere delle Dame” fu la prima rivista di moda milanese destinata, ad avere successo all’epoca.

La storia ripercorre momenti di lusso e grandi firme del passato, la manifattura italiana di Elsa Schiaparelli famosa e stravagante designer, intramontabile il suo concept bianco e nero definito “Optical”.

Salvatore Ferragamo apprezzato per le sue scarpe indossate nel “Cinema di Hollywood”, secondo la stampa americana fu il “Calzolaio delle Stelle”.

Fino a Gianfranco Ferré, considerato l’architetto della moda, sostenitore dell’eleganza, stile raffinato e sobrio, anticipatore di tendenze.

Altri momenti Made in Italy arriveranno più tardi a fine anni 60’ grazie alla rivoluzione sociale del momento, questa volta protagonisti sono i tessuti che ispirano le idee di Ottavio Missoni e dei progettisti di arredamenti.

Il negozio di Elio Fiorucci in San Babila a Milano, diventa un punto di riferimento per i giovani italiani, il primo concept-store, non solo abiti, ma anche accessori, oggettistica, bibite. Un’atmosfera esclusiva, ricca di colori, profumi, musica e trasgressione.

Liu Jo, Patrizia Pepe, Diesel descrivono invece i nuovi trend di oggi, una mescolanza di stili che piace al grande pubblico, dal casual ai capi più ricercati.