Enter your search terms:
Top
 

La storia “In Diretta” di Claudio Cecchetto

Innovatore, talent scout e visionario, Claudio Cecchetto è un’icona nazionale che il pubblico non solo ha gradito vocalmente alla radio, ma anche come conduttore radio-televisivo, produttore e personaggio dello spettacolo. Il DJ di – Gioca Jouer – si racconta così senza remore nel suo libro “In Diretta” partendo dalla sua infanzia a Ceggia per giungere fino alle stelle.

Crescere

Come fa un giovane cresciuto in un quartiere di Ceggia a diventare un personaggio dello spettacolo così popolare e apprezzato? La risposta affiora dalle sue parole: mi sono spesso trovato nel posto giusto al momento giusto. Il successo è anche una questione di fortuna, ma “nel posto giusto al moneto giusto” deve esserci la persona giusta.

Partito dal Veneto, e più precisamente dalle case popolari del canale Piavon in Ceggia, il piccolo Claudio si trasferì presto con la famiglia in quella Milano che lo avrebbe visto di lì a poco protagonista di una carriera senza eguali e vissuta come si conviene a un milanese doc, in altre parole a tutta velocità.

Scoprire

Voce cult della radio italiana ma anche talent scout di successo che ha permesso ad artisti come Jovanotti, Max Pezzali, Leonardo Pieraccioni, Fiorello, Amadeus, Fabio Volo, solo per citarne alcuni, di dimostrare il loro talento.

“Ho prodotto dischi, ho fondato radio, progettato software, scelto vinili in consolle e firmato contratti per me e per i miei artisti. Mi hanno permesso di realizzare il sogno di creare qualcosa che resista al tempo e che prosegua oltre a me. Hanno mantenuto tutte le promesse, sono fiero di loro e dei nostri risultati”.

Trasmettere

Dagli esordi in Radio Milano International a condurre trasmissioni televisive amate tra i giovani come Discoring e Popcorn, poi di svariati concorsi musicali: dal Festival Bar fino a Sanremo, si esibì sul palco della nota kermesse canora con le scarpe da ginnastica, una vera ventata di freschezza e audacia per quel periodo, era il 1980.

Nel 1982 diede vita alla sua radio d’eccellenza, ovvero Radio Deejay, che ha saputo far crescere e diventare un vero e proprio brand popolare. Non per niente la parola originaria “Disc Jockey”, fu letteralmente reinventata da Claudio Cecchetto.

L’idea di partenza era quella di una radio giovane pensata per i giovani, perfino la pubblicità sarebbe stata in linea con la missione del suo fondatore, con un palinsesto vivace e dando maggior rilievo alla musica internazionale.

Inventare

La lattina con due aperture superiori, si chiamava “Double” brevettata da Cecchetto non ebbe il successo che ci si aspettava, sarebbe servita a risparmiare prodotto e a divertire ad esempio i bambini e le coppie, bevendo con due cannucce dalla stessa, o consumando prima una parte di prodotto e poi il rimanente liquido senza sgasarsi.

Purtroppo i – business man – delle bibite rifiutarono l’idea poiché non in linea con la loro politica di vendita. Alla fine del 2005 la lattina innovativa venne messa da parte se pur online vi fu grande entusiasmo da parte del pubblico.

Nel 2008 parte il progetto internet Memoring, venne lanciato durante la festa per i trent’anni di Radio Deejay con un nome transitorio – Faceskin – per poi tornare gradualmente a quello originale, il pubblico avrebbe così accolto l’idea di un nuovo social network oltre al già conosciuto Facebook.

Il successo è anche una questione di fortuna, ma nel posto giusto al moneto giusto deve esserci la persona giusta.

L’obiettivo di Memoring era di aggregare persone che condividessero tra loro una playlist di contenuti web, ogni utente avrebbe così salvato i propri “preferiti” in un cloud, tali sarebbero rimasti sempre registrati anche nel caso in cui col passare del tempo i siti online fossero stati modificati o peggio ancora chiusi del tutto.

Cantare

Fenomeno musicale lui stesso, Cecchetto è ben presto diventato anche testimonial di opere destinate a rimanere vive nel tempo, in particolare fu la trovata del “Gioca Jouer”. Un ballo di gruppo che perdura tutt’oggi: a discapito del passare del tempo, ogni nuova generazione si è mossa almeno una volta sulle note del brano.

Nel 2006 e stato girato un videoclip per festeggiare i 25 anni dal lancio ufficiale, e tradotto in francese, inglese, spagnolo, tedesco e cinese.

Scrivere

“Sono io, e ci sto provando ancora”. È così che Cecchetto parla di sé nel suo libro, il cui titolo già evidenzia la sua voglia di vivere – in diretta – e contemporaneamente a tutte le sue molteplici attività.

Anni di vita ma anche di successi che Cecchetto ha vissuto da protagonista, sia sul palco sia dietro le quinte: dalla radio alla televisione a internet, ha saputo rimanere sempre sulla cresta dell’onda e l’ha saputa cavalcare da vero leader. E anche questa volta, con questo libro, ha saputo avvalersi del suo ingegno artistico per raccontare quello che è stato il gioco della sua vita.

Leggere

Pubblicato da Baldini & Castoldi il libro “In Diretta” di Claudio Cecchetto lo trovi nelle librerie oppure scaricabile in versione digitale sul sito ufficiale della casa editrice.

Ok Ragazzi!

Perché ho voluto raccontarti di Claudio? Non solo perché rappresenta un personaggio creativo, ma perché queste storie possono certamente ispirare le nostre vite, leggendo il suo libro ho compreso la lezione più preziosa: il coraggio è alla base del successo.