Enter your search terms:
Top
 

Come si diventa Make Up Artist freelance

Sono svariate le nuove professioni nate nel corso dell’ultimo decennio. Grazie alla crescente necessità di mercato che punta sempre più a una maggior produttività dei servizi professionali, complici le nuove tendenze in fatto di estetica e moda, così gli sbocchi specialistici si sono moltiplicati rispetto al passato offrendo un ventaglio di possibilità molto più ampio a chi si affaccia nel mondo del lavoro.

Diventare make up artist: il futuro con il trucco

La lista delle nuove professioni legate squisitamente alle tendenze e quindi all’eventualità di realizzare profitti è davvero ampia: si va dal personal shopper al wedding planner passando per il make up artist o il keynote. Si tratta di un segmento in sviluppo che ha aperto nuove frontiere e occasioni. Nella maggior parte dei casi, sono mestieri di derivazione anglosassone: molte sono nate a Londra, altre invece arrivano direttamente dagli Stati Uniti. Tra quelle più richieste collegate principalmente alla moda, c’è la figura del truccatore che ha fatto dell’estetica un’attività proficua avendo in sé doti artistiche ed anche capacità logiche e intuitive.

Elementi da valutare per realizzare un trucco perfetto

Diventare make up artist e svolgere questo lavoro con la serietà che richiede, non è del tutto semplice e – come accade per la maggior parte delle professioni – è necessario avere la giusta preparazione ma soprattutto “attitudine” per riuscire a sfondare e divenire un professionista affermato. Per truccare perfettamente un volto, in effetti, non è sufficiente utilizzare i migliori cosmetici del momento, è invece fondamentale conoscere i lineamenti e analizzarne i punti di forza – prima di valutare – come isolare eventuali inestetismi. Inoltre, un trucco compiuto è soprattutto quello in cui una donna si sente a proprio agio, non è indicato alterare completamente le forme realizzando un make up che poco o nulla si rifletta nella sua personalità: al contrario, è importante valorizzare la naturale morfologia del viso, senza strafare e senza cadere nell’eccesso. Un risultato esaudiente, inoltre, è soprattutto quello capace di adeguarsi all’ambiente in cui sarà esposto: un trucco da matrimonio ad esempio, deve essere inevitabilmente differente rispetto a un trucco pensato per una festa di laurea o per una serata in stile red carpet. Nel primo caso, infatti, il dress code dovrà essere raffinato e assolutamente non eccessivo; nel secondo caso, al contrario, si può osare.

E’ essenziale quindi studiare uno stile ricercato secondo situazioni, tipologie di pelle, toni, altrimenti il rischio di sbagliare è realmente alto. Un viso tondo ha bisogno di un trucco leggermente sfumato che tenda a mostrare gli zigomi; al contrario, un viso con un naso un po’ troppo largo o comunque arcuato richiede maggiore attenzione specie per quanto riguarda la stesura del trucco sugli occhi. Diventare make up artist significa, infatti, interpretare la donna e le sue caratteristiche al fine di esaltare la bellezza in modo diverso secondo occasioni differenti. Si tratta di una professione sicuramente dilettevole che consente a chi la pratica di entrare in contatto con tantissime persone e con una vasta clientela. Tutte/i coloro che hanno una passione per il make up e per il mondo dell’estetica in generale possono sicuramente pensare di intraprendere questa strada. Per farlo serve determinazione e naturalmente un corso professionale di make up come quello proposto nel percorso Koldub.

La scuola dei professionisti, scopri come si diventa make up artist freelance

Koldub è un percorso pensato per chi inizia, dalle basi fondamentali fino alle tecniche più progredite, una scuola che fornisce non solo competenze, ma stimola gli allievi a proseguire un viaggio nel campo della bellezza attraverso elementi di comunicazione e strategie di marketing per sviluppare fin da subito il proprio brand e aumentare le opportunità di lavoro nel settore. Considera ora la nostra proposta annuale.

Written by: Francesca Biosa